Il cammino di Santiago sulla via francese, percorre 799 Km di sentieri, sterrati, boschi e qualche pezzo su asfalto. Tutti possono farlo, ognuno con il suo passo e i suoi tempi. Fare il cammino richiede necessariamente una buona organizzazione iniziale. A partire dallo zaino. Sarà la vostra casa e avrete bisogno di poche cose ma fondamentali. Non mettete troppi chili, la strada è lunga e ne risentiranno sia spalle che gambe. Io avevo uno zaino da 30 litri con 5 kg di peso. Sono di piccola statura e per me era ideale. Non mi ha mai creato problemi ed avevo comunque tutto.

Vediamo cosa potete mettere:

  • un sacco a pelo, meglio se compatto
  • 3 magliette di tessuto tecnico a maniche corte. Le magliette di cotone col sudore si bagnano subito e non è il massimo per una camminata di tanti km. Inoltre quando le laverete si asciugheranno subito.
  • 2 pantaloncini corti, meglio se anche questi siano di tessuto tecnico e un pantalone lungo
  • Una maglia di pile, isola dal freddo e non avrete problemi quando le temperature sono più basse. Può capitare che il clima cambi durante la giornata soprattutto dalla mattina al pomeriggio.
  • Una felpa per il tempo in cui non cammini
  • 3 mutande e un reggiseno (se sei donna)
  • Calzini tecnici. Sottolineo tecnici. Aiutano a prevenire le vesciche e contengono il piede.
  • Sandali da trekking e ciabatte per la sera
  • Ago e filo per bucare le eventuali vesciche, vasellina o burro di karitè per i piedi. Spalmatela prima di dormire e un po anche prima di partire. Anche questo serve per prevenire le vesciche. Qualche benda e cerotti.
  • Sapone di marsiglia per lavarsi e lavare i propri panni, campioncini di shampo, spazzolino e dentifricio. Non portate altro, siete pellegrini!
  • Niente pigiama! Dormite con i vestiti con cui partirete il giorno dopo
  • Un cappello per il sole
  • Se volete campeggiare piuttosto che andare negli albergue esistono delle tende molto leggere. Vi allego un link in cui sono presentate diverse tende del genere:

http://www.iltrapper.it/migliori-tende-trekking-ultraleggere/

Si da soli si può andare. E soli non sarete mai! I pellegrini che partono nei tuoi stessi giorni li rincontrerete sempre, fino alla fine, dietro l’angolo a sorprendervi e diventeranno la vostra famiglia.

Le persone del posto vi aiuteranno qualora ne abbiate bisogno, non guarderanno i vostri piedi scalzi quando busserete a casa loro anche solo per un bicchiere d’acqua. Qualcuno vi fermerà e vi farà mangiare di tutto.

 

Pronto lo zaino pronto tutto. Si parte!

La via francese del cammino di Santiago ha inizio a Saint Jean Pied De Port, piccola cittadina ai piedi dei Pirenei. La prima cosa da fare una volta arrivati qui è recarsi all’ufficio del pellegrino per prendere la Credenziale. La credenziale è il documento che attesterà tutto il vostro cammino e sarà timbrata in ogni posto dove dormirete. Potete ritirala direttamente li piuttosto che prenderla prima online. Tra l’altro vi diranno dove andare a dormire e riceverete l’elenco completo di tutti gli albergue e le tappe. Gli albergue sono degli ostelli municipali che costano una media di 6/7 euro. Hanno camerate e cucina condivisa. In alternativa ci sono i donativi, per la maggioranza messi a disposizione dalle parrocchie. Potete dare loro quello che volete, ma visto che li ci fanno anche mangiare, buono e tanto, qualcosa datela anche se non vi obbliga nessuno. Ci sono anche albergue privati con svariati prezzi, da circa 10/12 euro in su. Il mio personale consiglio: non prenotate mai, non perdetevi il senso della sorpresa e dell’istinto, camminate finchè volete e quando siete stanchi fermatevi. E dormite qualche volta sotto le stelle!

 

Le tappe

Si attraversano 4 regioni della Spagna: Navarra, La Rioja, Castilla Y León e Galicia.

Mano mano che si arriva alla fine i paesaggi diventano da aridi a sempre più verdi. La tappa più dura è la prima, da Saint Jean Pied de Port a Roncisvalle. Portate con voi molta acqua, non troverete nulla per 17 km! E cercate di partire prestissimo, intorno alle 6:00 per esempio perché potreste trovare molta nebbia e maltempo nel tardo pomeriggio. Sono circa 24 km in salita fino a 1400 metri di altezza per poi riscendere fino a Roncisvalle. Da li in poi incontrerete lunghi sentieri tra i boschi, piccoli paesini anche quasi disabitati, grandi città come Pamplona, Burgos e Leon. A circa 13 km da Pamplona sarete sull’Alto del Perdon dove si trova il monumento al pellegrino, composto da pellegrini in metallo. Tra Burgos e Leon vi attendono le temute mesetas, in particolare tra Carrión de los Condes e Calzadilla de la Cueza. Sono circa 19 km di lunghe distese deserte. Qualcuno mi diceva: percorrerai le mesetas e la tua mente cambierà .. non ci credevo ma mi sono ricreduta: lunghi km di nulla tra terra e cielo con il caldo di agosto. Non ci sono ristori, ne alberi. Solo il marrone chiaro e  forte della terra e del sole. Ad un certo punto non saprai più chi sei. Il mio istinto è stato quello di abbracciare la prima cosa animata che ho visto dopo tanto nulla: una mucca! Da li si arriva a Leon, bellissima città!  E si prosegue verso la Galizia, ultima regione del cammino. Subito prima di entrare si percorre l’Alto do Cebreiro, con i suoi paesini in pietra e la croce di ferro: lì lasciate una pietra! È una tappa impegnativa ed in salita ma molto bella. E si continua verso la meta: Santiago di Compostela e la sua magia. Che non vi racconto, scopritela!

 

 

Sitografia utile:

http://santiago.forwalk.org/it/m/1s/guida/1-il-cammino-francese/lista-percorsi/#trails – qui potete trovare i percorsi con distanze, altimetrie e strutture che ospitano i pellegrini. È ben fatto e molto utile!

https://www.ilcamminodisantiago.com/

http://www.pellegrinibelluno.it/

https://www.gronze.com/camino-frances

 

a questo link potete trovare l’elenco delle accoglienze con le distanze in km:

http://www.pellegrinibelluno.it/filepdf/ElencoAlbergue2017-A5.pdf

 

Antonella – Wildway

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *